TURISMI⎨E⎬CULTURE

leggere per viaggiare, viaggiare per conoscere

 
 

HOME


 

IDEE DI VIAGGIO. TOSCANA, BREVI SOSTE LUNGO LA STORICA CHIANTIGIANA



TOSCANA, NELLE TERRE DEL GALLO NERO
Tra Firenze e Siena si estende una delle zone vitivinicole più conosciute e visitate al mondo, il Chianti. Un territorio di colline disegnate da ulivi, filari di San Giovese e abitata da Castelli e piccoli Borghi di pietra che ne custodiscono la storia.

chiantigiana_toscana_chianti


 

Per scoprire i suoi più suggestivi paesaggi la via da percorrere si chiama Chiantigiana (la SSR 222), la storica strada che unisce Firenze a Siena, le due città che per secoli si sono contese i borghi del Chianti Classico: GreveRaddaCastellinaGaioleCastelnuovo BerardengaBarberino Val d'ElsaSan Casciano Val Pesa, Poggibonsi e Tavernelle. Attraversarla, concedendosi qualche sosta negli storici borghi e nelle cantine che propongono visite e degustazioni, significa conoscere la storia dei 300 anni e più del Gallo Nero.

Era il 24 settembre del 1716 quando il Granduca Cosimo III dei Medici con il Bando “Sopra la Dichiarazione de’ confini delle quattro regioni Chianti, Pomino, Carmignano e Valdarno Superiore”, delimitava i confini del Territorio di produzione del Chianti. Una sorta di Doc antelitteram che stabiliva i territori entro i quali potevano essere prodotti i vini denominati "Chianti", "Pomino", "Carmignano" e "Valdarno Superiore”.
Inizia così la storia del Chianti Classico indissolubilmente legata al suo mitico Gallo Nero.

Prendendo la Chiantigiana, da Firenze, il primo Borgo che si incontra lungo la Strada è Greve, cuore del Chianti Classico.
La sua Piazza principale, Piazza Giacomo Matteotti, cinta dai caratteristici portici animati da storiche botteghe, piccole librerie e bistrot, un tempo era conosciuta come il “Mercatale di Greve” perché qui si svolgeva il più importante Mercato dell’intera zona.
Un luogo di incontro e scambio frequentato soprattutto dagli abitanti, dai mercanti e dagli uomini d’affari dei vicini Castelli di Lucolena, Cintoia, Panzano e Montefioralle.
Ancora oggi, ogni sabato, la piazza dalla caratteristica forma triangolare ospita un vivace e colorato mercato.

montefioralle-greve-in-chianti-toscana

Montefioralle
, a pochi minuti da Greve, è uno dei Borghi più Belli d’Italia


 

Circa 30 minuti d’auto e si raggiunge Castellina in Chianti, dolcemente arroccata sul suo colle che guarda la Val d'Elsa.

Lasciata la macchina fuori dal centro abitato, pochi passi lungo via Trento e subito si entra in un piccolo mondo sospeso nel tempo dove l’arte del vivere slow si respira in ogni dove.

Cuore di Castellina è l’antica Rocca. Edificata nel ‘400, per difendere il Borgo dagli attacchi della vicina Siena, oggi ospita il Museo Archeologico del Chianti Senese.

Nelle sue sale si racconta la storia più antica del Chianti attraverso un percorso che espone storie, dati, oggetti e materiali archeologici provenienti dai comuni di Castellina, Gaiole, Radda e Castelnuovo Berardenga. Un affascinante viaggio nel tempo del Chianti etrusco. Durante la visita si può percorrere uno dei camminamenti della Rocca e arrivare fino in cima alla torre per ammirare le bellezze della Val d’Elsa, dei Monti del Chianti, dei Monti Amiata e Cetona.

La-Rocca-Castellina-in-Chianti-Toscana

La Rocca, Castellina in Chianti



Per sentire i sapori di Castellina e delle sue terre la strada da percorrere è Via Ferruccio, un alternarsi di storiche botteghe, enoteche ed empori dove degustare le migliori etichette dei vini prodotti nella zona, gli ottimi salumi della tradizione locale, oli e sottoli, confetture e miele, specialità al tartufo e tante altre bontà a km0.

E se corso Ferruccio mostra il volto animato, vivace e colorato di Castellina, Via delle Volte rapisce il visitatore con il suo irreale e improvviso silenzio.

castellina-in-chianti-via-delle-volte-toscana

Via delle Volte, Castellina in Chianti



È un lungo camminamento trecentesco coperto, una sorta di "tunnel" dalle cui finestre si può godere della pace e della bellezza della campagna chiantigiana.

C’è profumo di vino lungo la via. Da un rettangolo di vetro, incastonato in un antico e massiccio portone di legno, si intravedono grandi botti barrique per l’invecchiamento del vino mentre piccoli tavoli invitano il viandante alla sosta per ascoltare la storia di questo straordinario territorio raccontata da un bicchiere di Chianti Classico Dogc.

Via delle Volte, Castellina in Chianti


 

 

 
   
   

TURISMIECULTURE.IT | LEGGERE PER VIAGGIARE, VIAGGIARE PER CONOSCERE


info@turismieculture.it


Turismi e Culture.it
informazioni, viaggi e letture

::: PUNTOARCH.NET :::