FILSOFIE DI VIAGGIO • TRAVEL PHILOSOHY • STILI E TENDENZE • INDICAZIONI DI VIAGGIO • PAROLE IN VIAGGIO • APPUNTI INTORNO AL VIAGGIO • VARIE ED EVENTUALI

TURISMI[e]CULTURE


Leggere per viaggiare, viaggiare per conoscere

 

HOME | IDEE DI VIAGGIO .


 

 
 
 

DALLA PERCEZIONE DEL BELLO ALLA PERCEZIONE DEL GUSTO
Una sosta nella città meneghina tra arte, food e design

Dal Mudec alla Triennale, due luoghi da non perdere per un percorso a più sensi dove l’arte e il design incontrano sapori dal gusto classico e contemporaneo.



 

Può un risotto alle rape rosse essere occasione per esplorare la protesta visuale di Banksy o essere questa pretesto per scoprire insoliti accostamenti nel piatto?
Al Mudec, si!

risotto_rape_rosse_enrico_bartolini_mudec_ristorante_milamo

Enrico Bartolini, Risotto alle rape rosse e crema al gorgonzola, Mudec Ristorante | Ph: mudec.it



Nato dagli spazi dell’ex fabbrica Ansaldo, in zona Tortona, il MUDEC (Museo delle Culture) è uno spazio polifunzionale dove passare un’intera giornata in relax o qualche ora tra chiacchiere, opere d’arte, buon cibo e shopping design. 17.000 mq, nel cuore del design district, dove trovano spazio, oltre alle sale delle esposizioni permanenti e temporanee, un bistrot, un ristorante, laboratori per bambini e un design store.


“Siano le strade un trionfo dell’arte per tutti” (Vladimir Majakovskij, 1918)

La celebre frase di Majakovskij accoglie il visitatore nelle prime sale della mostra “A Visual Protest. The Art of Banksy”, la prima monografica sul writer inglese ospitata all’interno di un museo pubblico italiano. Una mostra, anche questa, come tutte le altre mostre a lui dedicate, “non autorizzata” in quanto al celebre Bansky non piace svelare la sua identità, perché per lui l’arte non ha titolarità - non è di qualcuno ma di tutti - e soprattutto perché continua ad affermare la propria indipendenza dal sistema.

banksy_mostra_mudec_milano

I lavori in mostra sono opere di collezionisti privati mentre i suoi murales sono mostrati da una speciale sezione video che racconta la sua street art sparsa per il mondo



banksy_girl_with_red_balloon_mostra_mudec_milano

Banksy, Girl with Red Balloon, 2004 | Foto della versione esposta al Mudec


E non poteva mancare “Girl With red Balloon”, uno dei soggetti più conosciuti di Bansky. Quella bambina che, fatta da chi afferma con insistenza la sua contrarietà alla mercificazione dell’arte, vediamo riprodotta su ogni dove; dalle shopper bags alle cups, alle stampe d’arredo, alle t-shirt. E l’abbiamo vista anche autodistruggersi, dopo essere stata venduta, all’asta Sotheby’s, per la modica cifra di 1.042.000 sterline.
Una delle sue versioni è possibile vederla al MUDEC.



Dall’invisibile Banksy alla poetica di Paul Klee, l’artista anti-accademia che affida all’arte il compito di svelare l’invisibile, di rendere “visibile ciò che non sempre lo è”, di andare oltre l’apparente per far emergere il lato nascoso delle cose. La mostra “Paul Klee. All’origine dell'arte” espone oltre 100 opere per indagare il tema del “primitivismo” nel suo percorso artistico. La Mostra, ospitata al MUDEC fino al 03 marzo, propone un percorso tra i suoi lavori più conosciuti, quelli astratti e policromi, e i suoi meno noti lavori caricaturali.  

La pausa food?
È con la classicità contemporanea di Enrico Bartolini negli spazi del Mudec Ristorante. Un “opificio di alta gastronomia” dove lo chef stellato e la sua brigata esplorano nuovi sapori e nuovi mondi ma senza mai dimenticare origini e tradizioni.
Un’offerta più smart, dalla prima colazione alla pausa pranzo fino agli aperitivi e alla cena, arriva dal Bisrot Mudec sempre guidato da Enrico Bartolini.



Arte e buon cibo sono anche nel programma della Triennale ospitata all’interno del Palazzo dell’Arte.
Le sue collezioni permanenti sono un viaggio tra le storie del design Italiano del novecento.

Aeo_Archizoom_collezione_permanente_triennale_milano

ARCHIZOOM, AEO, 1973, Azienda produttrice: Cassina| AEO fa parte di una delle collezioni permanenti della Triennale
Photo: triennale.org

Per un caffè, una colazione di lavoro, un aperitivo c'è il Caffè in Giardino, all'interno del Giardino delle Sculture della Triennale, e il Design Café dove sono esposte, a rotazione, più di 100 sedute di design, un piccolo museo non solo da guardare ma anche da usare. Per la sosta gourmet c’è la Terrazza Triennale, una splendida terrazza con vista sul Castello Sforzesco, guidata dalla stella Michelin Stefano Cerveni.




 
     
     
 
   

TURISMIECULTURE.IT | LEGGERE PER VIAGGIARE, VIAGGIARE PER CONOSCERE


info@turismieculture.it


Turismi e Culture.it
informazioni, viaggi e letture

::: PUNTOARCH.IT :::